Circolo Culturale e Amici di San Piero in Campo
  Home
IL  SAMPIERESE
Sarah Sudcowsky
Giuseppe Tanelli
VIE DEL GRANITO
Vini tipici
La sua Storia
Chiese e Monumenti
Personaggi famosi
Raccolta foto
Commenti
Minerali
percorsi
Tradizione
Granito
Enogastronomia tipica
Il Maggio Sanpierese
la Parrocchia
Mestieri tradizionali

 

 

Serenata del "MAGGIO"

La notte del primo maggio i giovani sampieresi intonano sotto le finestre delle ragazze del paese una serenata melodiosa. Iniziano allo scoccar della mezzanotte per finire all'alba. ╚un canto d'amore molto antico, che affonda le sue radici nella migliore tradizione poetica del quattrocento. La domenica successiva di mattina i giovani cantori ritirano dalle ragazze "Il Corollo", quale dono per la serenata ricevuta. Nel pomeriggio si da luogo alla festa vera e propria, dove vengono offerti a tutti i presenti fette di dolce avuti in dono dalle ragazze, con contorno di musica e ballo.

GiÓ la tarda sua carriera
Termin˛ l'inverno algente
E di Febo il raggio ardente
Sciolse i ghiacci, il ciel fug˛.

Siete Voi quel bianco giglio
Gelsomino o malva rosa
Siete Voi l'amata sposa
Che lo feste innamorÓ. Ecc

Processioni del Venerdý Santo

La mattina del Venerdý Santo alle ore sei, muovono due processioni, una da S.Piero e l'altra dal vicino paese S.Ilario dirette a visitare i sepolcri delle reciproche chiese e si incontrano a mezza strada (Accolta) intonando a turno i canti sacri di melodie medievali. Organizzate dalle rispettive Confraternite sono rese suggestive da croci (Calvario, Croce illuminata) e lampioni. Questa tradizione si perde nel tempo.

La sera del Venerdý Santo la processione di Cristo Morto si svolge per le vie del paese per le quali vengono trasportate la statua di Ges¨ Morto dagli uomini e quella della Madonna Addolorata dalle donne. Il coro intona canti antichi ( Miserere, Le Piaghe, Stabat Mater , Vexilla Regis e il Piangi). I giovani con le insegne e i camici della Confraternita portano Croci e Lampioni.

Festa Patronale

Il 29 giugno si commemora la festa dei SS. Pietro e Paolo, patroni del paese.

Altre tradizioni ormai si sono perdute da tempo, come la corsa con i "Somari" (asini), Tamburello e tante altre che anche i vecchi del paese non ricordano quasi pi¨.

 

Ultimo aggiornamento: 25-04-08